Valutazione dei rischi e nullità del contratto a termine - Giuseppe Ponzio
18097
post-template-default,single,single-post,postid-18097,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Valutazione dei rischi e nullità del contratto a termine

Valutazione dei rischi e nullità del contratto a termine

Con ordinanza n. 21683 del 23 agosto 2019, la Corte di Cassazione ha ribadito che senza la valutazione preventiva dei rischi il contratto a tempo determinato stipulato con un lavoratore è affetto da nullità, con la conseguenza che lo stesso si considera a tempo indeterminato ex art. 1339 e 1419 c.c.

La ragione di tale divieto “è diretta alla più intensa protezione dei lavoratori rispetto ai quali la flessibilità di impiego riduce la familiarità con l’ambiente e gli strumenti di lavoro“.

E’ necessaria pertanto una specifica valutazione dei rischi dei contratti a termine all’interno del DVR, così come di tutti gli altri contratti speciali (es. somministrazione, ecc..).

Per un approfondimento si veda:

sentenza-21683-DVR-e-Contratti-a-termine