Le telecamere sul luogo di lavoro dopo la sentenza della corte europea - Giuseppe Ponzio
18063
post-template-default,single,single-post,postid-18063,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Le telecamere sul luogo di lavoro dopo la sentenza della corte europea

Le telecamere sul luogo di lavoro dopo la sentenza della corte europea

Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato, in data 17 ottobre 2019, un comunicato stampa con il quale commenta la sentenza della Corte europea sui diritti umani, in merito all’utilizzo delle telecamere sul luogo di lavoro.

In sostanza Il Garante della Privacy afferma che la sorveglianza occulta non diventi prassi ordinaria e che i controlli devono essere proporzionati e non eccedenti.

Corte di Strasburgo

telecamere sul luogo di lavoro

Con la decisione del 17 ottobre 2019 (casi 1874/13 e 8567/13 L.R. e altri) la Grande Camera della Corte dei diritti dell’uomo di Starsburgo ha ritenuto che l’installazione di videocamere nascoste all’insaputa dei dipendenti non lede il diritto alla riservatezza dei lavoratori se questa attività è preordinata a verificare eventuali atti illeciti a danno dell’azienda.

Per un approfondimento si veda:

CASE OF L_PEZ RIBALDA AND OTHERS v. SPAIN