GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI DOPO IL DECRETO DI AGOSTO (D.L.104/2020) E LE PRIME INDICAZIONI INPS - Giuseppe Ponzio
19305
post-template-default,single,single-post,postid-19305,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI DOPO IL DECRETO DI AGOSTO (D.L.104/2020) E LE PRIME INDICAZIONI INPS

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI DOPO IL DECRETO DI AGOSTO (D.L.104/2020) E LE PRIME INDICAZIONI INPS

Come è noto è stato emanato il Decreto Legge 14 agosto 2020 n.104 (c.d. DECRETO  di  AGOSTO – in vigore dal 15 agosto 2020) che contiene varie novità in materia di lavoro, in particolare per ciò che riguarda gli ammortizzatori sociali Covid-19.

In allegato abbiamo predisposto una scheda di sintesisulle novità  in materia cassa integrazione ordinaria (CIGO), assegno ordinario (FIS) e cassa integrazione in deroga (CIGD), dopo il D.L.104/2020 (Decreto di Agosto),  alla luce del Messaggio INPS n. 3131 del 21 agosto 2020 che ha fornito le prime indicazioni operative.

Segnaliamo in particolare:

–         sono state previste dal D.L.104/2020 ulteriori 18 settimane di ammortizzatori dal 13 luglio 2020 al 31 dicembre 2020: le prime 9 settimane “gratuite”, le seconde 9 settimane con un (eventuale) contributo addizionale a carico Azienda, collegato alla diminuzione di fatturato;

–         per attivare gli ammortizzatori con la nuova disciplina non è necessario aver usufruito di tutte le 18 settimane previste dalla previgente disciplina (D.L.18/2020; D.L. 34/2020);

–         il residuo non goduto delle 18 settimane previste dalla previgente disciplina di fatto viene perso (“chi ha preso ha preso, chi non ha preso ha perso”);

–         la data del 12 luglio è da intendersi fondamentale per i trattamenti legati al contesto Covid-19, in quanto si azzera ogni precedente contatore e – a decorrere dal 13 luglio – valgono solo le nuove 18 settimane previste dal D.L. n. 104/2020: i periodi già autorizzati in base alla precedente normativa, che si collocano anche parzialmente a partire dal 13 luglio, vanno a scalare automaticamente il primo blocco di 9 settimane (quelle senza contributo addizionale);

–         è anche importante tenere presente che, con l’introduzione del D.L. 104/2020, si parla solo di autorizzato (e non di fruito): questo cambiamento delle “regole del gioco” può avere delle conseguenze estremamente penalizzanti per le Aziende:

  • sia se sono già state autorizzate settimane dopo il 12 luglio con la precedente disciplina (le settimane autorizzate con la precedente disciplina dal 13 luglio riducono infatti le prime 9 settimane della nuova disciplina),
  • sia  in caso di richiesta oggi, dal momento che conta l’autorizzato e non il goduto (se mi faccio autorizzare e non fruisco poi – rimanendo così scritta la norma – perdo ciò che non ho goduto).

Si veda allegato:

Novita_Ammortizzatori_Sociali_D ecreto_Agosto _DL.104_Ponzio