Convenzione attuativa del T.U. sulla Rappresentanza Sindacale - Giuseppe Ponzio
18050
post-template-default,single,single-post,postid-18050,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Convenzione attuativa del T.U. sulla Rappresentanza Sindacale

Convenzione attuativa del T.U. sulla Rappresentanza Sindacale

In data 19 settembre 2019, l’INPS tra INPS, INL, Confindustria e le OO.SS. CGIL, CISL, UIL (a cui si è aggiunta Confapi a partire dal 27 settembre) è stata stipulata la Convenzione sulla misurazione della maggior rappresentatività delle Organizzazioni sindacali, al fine di dare attuazione al Testo Unico sulla Rappresentanza sindacale siglato dalle medesime parti sociali il 10 gennaio 2014.

La Convenzione indica le modalità con cui l’INPS, per mezzo dei dati forniti dai datori di lavoro (mediante il flusso UNIEMENS) e dall’INL, individua le Organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, le uniche legittimate a stipulare contratti collettivi nazionali del lavoro in grado di derogare alle norme di legge.

La maggior rappresentatività è data dalla combinazione dei dati associativi con quelli elettivi per ciascuna Organizzazione sindacale. È necessario rappresentare il 50% più 1 degli iscritti ai fini della validità dei contratti stipulati.

L’INPS ha emanato la circolare n. 146 del 6 dicembre 2019, con la quale fornisce le istruzioni operative riguardanti l’attività di raccolta del dato associativo, relativo a ciascuna Organizzazione sindacale di categoria firmataria o aderente al Testo unico sulla Rappresentanza.

Per un approfondimento si veda:

1. Convenzione 19.9.2019