Compatibilità tra carica sociale di società di capitali e attività di lavoro subordinato - Giuseppe Ponzio
18085
post-template-default,single,single-post,postid-18085,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-14.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Compatibilità tra carica sociale di società di capitali e attività di lavoro subordinato

Compatibilità tra carica sociale di società di capitali e attività di lavoro subordinato

L’INPS ha emanato il messaggio n. 3359 del 17 settembre 2019, con il quale, rivolgendosi agli operatori economici e alle strutture territoriali dell’Istituto, illustra il consolidato orientamento formatosi in seno alla giurisprudenza di legittimità in ordine alla compatibilità tra la titolarità di cariche sociali e l’instaurazione, tra la società e la persona fisica che l’amministra, di un autonomo e diverso rapporto di lavoro subordinato, atteso che il riconoscimento di detto rapporto esplica effetto ai fini delle assicurazioni obbligatorie previdenziali e assistenziali.

Compatibilità lavoro subordinato

– Presidente Consiglio di amministrazione: si

– Amministratore unico della società: no

– Amministratore delegato: dipende dalla delega

– Socio unico: no

– Socio di Società e amministratore: dipende caso per caso

Per un approfondimento si veda:

Messaggio INPS n.3359 del 17-09-2019